Via Rebocco

Matteo Signanini

Nella notte di via Rebocco affiorano frammenti di vita, ma anche l’anima di chi ha scattato queste immagini.

Le finestre illuminate e la sagoma di quel cane che guarda l’interno di una cucina sono l’incipit di un ritratto commovente dell’umanità che, lì, vive.

E il salto di quel ragazzo a simulare nell’ombra il volo di un uccello notturno ci suggerisce lo spirito ambiguo del luogo. Lo sguardo incantato e gioioso dei bambini, ripresi in una luce diurna più dolce, si contrappone allo sguardo di un uomo.

E’ un uomo sfinito e quel volto sembra contenere tutto, l’aspetto trascurato frutto di una probabile vita di sofferenza e un fondo di tenerezza.

Matteo Signanini ci conferma che la realtà è soggettiva e che è attraverso gli altri che possiamo conoscere noi stessi. Via Rebocco è il luogo della sua infanzia, una strada nella periferia nord di La Spezia, dove ancora oggi vive e ogni sua fotografia è una sorta di narrazione autobiografica, dove è percepibile l’attrazione dell’autore verso ciò che gli procura emozione e la sua sentita partecipazione. Forse in quella via, come in altre, anche la solitudine, che non trova consolazione in uno spazio di ritrovo, si arrangia come può, a volte anche con qualche rivista porno.

L’approccio di Signanini è autentico, sentito e diretto, anche graffiante ma sempre affettuoso.

Questo modo intimista di raccontare, a tratti con neri intensi, ricorda per certi versi la fotografia di Anders Petersen, autore svedese, che ha spesso dichiarato di utilizzare la fotografia per capire se stesso e che con questo scopo aveva iniziato a fotografare un’umanità emarginata, tra ubriachi, tossicodipendenti e prostitute già verso la fine degli anni ’60. Le sue ricerche sono proseguite nelle carceri, nelle case di riposo e nei manicomi.

Signanini imbocca una via più tortuosa perché scava nella propria normale quotidianità e ripercorre le paure, i giochi e gli odori di lui bambino e i segni della fatica del vivere in quel set che ha sempre avuto a disposizione.

di Piera Cavalieri

 


All projects