Nino Cannizzaro

The Same Place

Vucciria Reload
“quannu s’asciucanu i balati ra Vucciria”

“Luci, ombre, anima e resistenza della Vucciria di Palermo, da mercato storico a centro della movida notturna”

Al crocevia di culture e commerci per secoli, nel cuore di Palermo e dell’antico quartiere della Loggia, la ‘vanniata’ della Vucciria e la confusione che porta nel nome l’antico mercato della capitale siciliana, cambia profumo ma non l’anima, lasciando il regno dell’abbondanza di frutti della terra e del mare nel dipinto di Renato Guttuso, insieme alle pietre del suo lastricato, destinato ad asciugarsi solo per prefigurare eventi improbabili.

«i balati ra Vucciria ‘un s’asciucanu mai»

Il lastricato del groviglio di vicoli silenti e palazzi fatiscenti, botteghe chiuse e fontane abbandonate anche dai coccodrilli ghiotti di ‘picciriddi ‘ra Vucciria’, è ormai riarso dal “cuore troppo caldo” di Palermo, mentre le ombre del crepuscolo rianimano il suo ventre molle che profuma di street food e resistenza … alla crisi, alla modernità, al ritmo del sound system di ‘abbanniate’ e djset a cielo aperto della movida alternativa.

Il profumo di un cambiamento che resiste agli urti, ‘ammucciato’ negli anfratti di Vucciria come ‘lu Purpu vugghiutu’ schivo di natura, scovato per la strada con tanto limone, ‘ciumi ri vinu’ e schiuma di birra, fili volanti, venditori ambulanti, bombole del gas, estetica del degrado urbano e locali notturni che hanno smarrito i confini tra dentro e fuori, senza rinunciare ai segnali di fumo che arrivano dalle viscere di mangiafuoco e da quell’anima cotta alla brace da ‘u’ stigghiolaru’, o gustata sin dal medioevo ‘cu ‘u pani cu ‘a meusa’ insieme a tradizioni e identità.
Glossario popolare palermitano

Vuccirìa: in palermitano il termine è traducibile in “confusione” e da il nome al suo storico mercato

“quannu s’asciucanu i balati ra Vucciria”: espressione popolare per prefegurare gli eventi più improbabili

balati: le grosse pietre rettangolari che lastricano la strada

abbanniata o vanniata: termini riferiti alla pratica di gridare notizie per la strada in generale, al mercato in particolare

picciriddi: ragazzini

lu Purpu vugghiutu: il polpo bollito

stigghiolaru: il venditore di stigghiuola, stigghiola o stigghiuole, ovvero la budellina di agnello o di capretto cotta alla brace

ciumi: fiumi

pani cu ‘a meusa’: il panino con la milza che si mangia per strada sin dal medioevo


All projects