Marco Pesaresi

Marco Pesaresi

Spontanea, grazie alla gentile concessione di Contrasto, ha l’onore di presentarvi una serie di scatti realizzati da un grande autore italiano prematuramente scomparso nel 2001, Marco Pesaresi.

Le foto di Marco evidenziano cosa può effettivamente raccontare e trasmettere la fotografia di strada e con quanta forza evocativa può entrare nei nostri cuori.

Il suo è un lavoro che ci riporta ad un periodo di profondo cambiamento sociale oltre che di coscienze nella gente; i tempi ricchi di speranza e di gioiose prospettive stanno lasciando man mano spazio alle incertezze e ai disagi di oggi egli, nel suo breve cammino, ci trasferisce tali aspetti sempre con grande rispetto e profonda umanità.

Marco afferma che la sua fotografia è soprattutto “sentimento”, e questo emerge in ogni sua istantanea mai veramente cruda, fredda, impersonale… viceversa, sempre impregnata di poesia e di un senso di dolcezza fondamentale a mio parere, per esprimere rispetto e amore verso la gente.

Sappiamo tutti che la “fotografia” è una finestra aperta non solo su un qualcosa da vedere e raccontare ma anche in direzione di se stessi e Marco, valica gli attimi che coglie, mettendo a nudo il suo animo e la sua intensa sensibilità oltre a mostrare la propria realtà dei tempi.

Le immagini presentate in questa breve retrospettiva, sono tratte principalmente da due particolari lavori, poi diventati libri: “Rimini” e “Underground”.

Spontanea, in questa sezione dedicata alla progettualità, è lieta di presentarvi alcune sue significative immagini con la speranza di sostenere espressioni simili e promuovere delicate visioni che solo una “smisurato amore” per l’umanità può produrre.

Umberto Verdoliva

Intervista con Marco Pesaresi